- Advertisement -

- Advertisement -

Sergio Cervellin racconta la sua carriera fino all’acquisto del Castello del Catajo

0 109

Sergio Cervellin racconta la sua carriera fino all’acquisto del Castello del Catajo.

Nel cuore dei Colli Euganei, il Castelo del Catajo è una delle meraviglie della nostra Bell’Italia. L’imprenditore veneto Sergio Cervellin, ci racconta la storia del suo successo e la passione per questa dimora storica di sua proprietà.

 

Sergio Cervellin
Sergio Cervellin

Sergio Cervellin, dall’essere in assoluto il giovane agente di commercio d’Italia, all’aver venduto numerosi brevetti, fino all’acquisto nel 2016, del Castello del Catajo, di Battaglia Terme, è uno dei nostri personaggi illustri dell’imprenditoria e cultura italiana.

 

Ci narri com’è iniziata la sua visione d’impresa?

“Tutto è iniziato dai numerosi viaggi fatti all’estero, era la fine degli anni ’70. Ecco, mi hanno dato l’occasione di comprendere la direzione, che volevo intraprendere per la mia carriera. Volevo creare la mia impresa nel settore industriale, volto alla grande distribuzione nel settore delle pulizie.

All’inizio degli anni ’80, è nata la mia prima attività: Euromop e credevo già nel vedere i miei prodotti distribuiti in tutta Europa”.

 

Al momento, è a capo dell’azienda TWT (Tools Technology). Quali sono i nuovi obiettivi?

“La tecnologia nel mondo dei carrelli per la pulizia è in continua evoluzione. Una delle ultime creature nate in azienda è Solar Sistem: il sistema di lavaggio piatto mediante di impregnazione istantanea dei mop e controllato tramite centraline elettroniche. È un “carrello” delle pulizie unico nel suo genere, alimentato da pannelli solari.

Sta rivoluzionando in molte aziende, grazie alla sua efficienza operativa ed energetica, il modo di fare le pulizie, assicura la massima igiene, riduce gli sprechi di prodotti ed è Eco-Friendly al 100%”.

 

Nella sua storia di successo c’è un colpo di fulmine: l’acquisto del castello del Catajo, ce ne parli.

“Un giorno passando per Battaglia Terme vidi un castello disabitato. Incuriosito, il giorno dopo m’informai di chi fosse e scopri che era all’asta. Non tanto per lasciare qualcosa d’importante alla storia, ma per cercare di eliminare le multinazionali o, qualche catena di albergatori che magari lo avrebbero fatto un albergo a 7 stelle o una Spa.
Il mio sogno era di lasciarlo accessibile al pubblico come bene museale.

Ho partecipato all’asta, da 11 milioni si era scesi a 3, nel 2015 avevo già venduto l’azienda e l’idea di acquistare quel gioiello mi ha risvegliato tante idee. A marzo dell’anno successivo, mi sono state consegnate le chiavi, i Beni Culturali si erano ben guardati da esercitare la prelazione, il giorno dopo 40 operai erano a lavoro per iniziare i lavori per aprire i battenti e farlo ammirare al mondo intero.

Sono fiero di questa dimora storica, affrescata dallo Zelotti, dalle sue 365 stanze, la sua bellezza ti lascia senza fiato appena si scorge dalla strada. Il castello del Catajo si sviluppa su una superficie che comprende i 40mila mq del giardino e i 400mila del terreno circostante di proprietà. L’ingresso principale è concepito come un arco di trionfo dal Marchese Tommaso degli Obizzi, con numerose statue, fregi e mascheroni. L’intera struttura è realizzata in pietra bianca di Vicenza, mattoni e infissi”.

 

 

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.